ECCO 31 BUONI MOTIVI PER NON BERE BIBITE GASSATE

Il consumo di bibite gassate e di altre bevande zuccherate, come succhi di frutta, cola, soda, aranciate, può generare gravi problemi di salute: provocano dipendenza, invecchiamento precoce e danni a organi come il fegato.




La dipendenza da bibite si instaura come qualunque altra dipendenza. Si comincia bevendo una o due bibite gassate alla settimana, alimentando così un desiderio ossessivo nei loro confronti.

Il seguente elenco tratto dal libro “Killer cola. La cruda verità sulle bibite” e stilato sulla base delle informazioni pubblicate su riviste mediche e pubblicazioni scientifiche, illustra alcuni dei numerosi modi in cui l’abitudine alle bibite gassate rischia di compromettere gravemente il benessere. Quando avrete finito di leggere questa lista sono sicuro che deciderete di ridurne notevolmente il consumo o di eliminarle del tutto dalla vostra vita. Prima di bere, pensaci!

Ecco le 31 cose che non sai sulle bibite gassate e altre bevande dolcificate

1. Le bevande dolcificate possono provocare aumento di peso e condurre all’obesità.
 2. Bere quotidianamente due bibite gassate zuccherate può a lungo termine provocare danni al fegato.
 3. Le bibite a base di caffeina sono state associate a sbalzi d’umore.
 4. Le bibite gassate possono provocare infiammazione nel corpo.
 5. Le bibite zuccherate pregiudicano la capacità dell’organismo di metabolizzare lo zucchero, con il possibile rischio di diabete.
 6. Le bibite zuccherate possono aumentare la pressione arteriosa e il rischio di sviluppare ipertensione, come pure patologie cardiovascolari.
 7. L’acidità delle bibite gassate intacca lo smalto dei denti.
 8. Il consumo di cola è stato associato all’osteoporosi nelle donne.
 9. Il fruttosio nelle bevande zuccherate e stato associato a un maggior rischio di gotta.
 10. Il consumo di fruttosio cristallino può dare adito a lievi disturbi gastrointestinali.


 

11. La cola è stata associata a mal di testa da caffeina nei bambini.
 12. La cola può ridurre le lipoproteine ad alta densità (HDL), chiamate anche colesterolo “buono”.
 13. Le bevande gassate hanno mostrato di esercitare un ruolo nello sviluppo della sindrome    metabolica.
 14. Caffeina, zucchero ed edulcoranti di sintesi presenti nelle bevande possono generare dipendenza.
 15. I dolcificanti artificiali possono causare contrazioni della vescica e pertanto incontinenza.
 16. Bevendo due o più bibite gassate alla settimana accresciamo di quasi il doppio il rischio di tumore al pancreas.
 17. L’acidità delle bibite può sottrarre calcio alle ossa.
 18. Nelle donne, le bibite light aumentano il rischio di parto pretermine.
 19. Le bibite a base di caffeina possono alimentare tic nei bambini predisposti.
 20. Le bibite zuccherate a base di cola sono state associate a un alto rischio di diabete gestazionale.

21. L’eccessivo consumo di cola può portare a bassi livelli di potassio, noti anche come ipopotassiemia, il che provoca debolezza muscolare e possibile paralisi.
 22. L’assunzione di fruttosio può compromettere la memoria.
 23. Le bibite possono provocare l’insorgere di calcoli renali.
 24. Il consumo di bibite può portare a una ridotta concentrazione di spermatozoi e a una conta spermatica complessiva più bassa.
 25. Le bevande a base di caffeina possono provocare sintomi depressivi negli adolescenti.
 26. Un alto consumo di bibite gassate è stato associato all’epilessia.
 27. Durante la prepubertà, nelle ragazze che consumano bibite gassate si è riscontrato un menarca in un’età più precoce del normale, che in seguito espone a un maggior rischio di tumore al seno.
 28. Gli adolescenti che consumano regolarmente bevande zuccherate presentano alti livelli di acido urico.
 29. Le bibite a base di cola possono ingiallire i denti.
 30. Le bibite gassate sono state collegate al tumore dell’esofago.
 31. Il consumo di una lattina equivale a 53,5 minuti di acidi gastrici elevati.

Siete sicuri di volerne bere ancora?


 


http://www.mondoallarovescia.com/
http://lospillo.info/31-buoni-motivi-non-bere-bibite-gassate/
Share on Google Plus

About Redazione

    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento